Blog: http://MOVIMENTIAMOCI.ilcannocchiale.it

Comunicato stampa LiberoReporter:ancora intimidazioni; tagliate le gomme dell'auto del Direttore Russo

 

Comunicato stampa LiberoReporter:ancora intimidazioni;tagliate le gomme dell'auto del Direttore Russo

Sulle intimidazioni e gli avvertimenti mafiosi che da una settimana colpiscono il direttore editoriale di LiberoRepporter, Daniela Russo, si muovano, finalmente, le agenzie di stampa il cui silenzio, finora, definire sconcertante è dire pochissimo.
Notizie così allarmanti e destabilizzanti vanno diramate senza indugio. Anche e sopratutto se provenienti da una Redazione di una testata medio-piccola.
Denunciare i fatti all'opinione pubblica è di primaria importanza sia che i fatti delittuosi riguardino una media testata, sia una grande testata.
Vorrei vedere se, soltanto pochi mesi orsono, oggetto di attentati ed intimidazioni a catena fosse stato il giornale di Clemente Mastella - il Campanile nuovo - o un suo redattore, direttore o collaboratore: Apriti cielo, sarebbe venuta giù tutta la grancassa mediatica!
Infatti, se vittima dei fatti delittuosi della settimana scorsa e del 25 Aprile fosse stato un giornalista di una grande testata o di un giornale di partito, non c'è dubbio che tutti i colleghi e le testate, siano esse grandi, medie o piccole, si sarebbero mossi come un sol uomo. Come una sola redazione.
Non c'è dubbio, quindi, che da parte di troppa parte della stampa il non dare il dovuto risalto o l'ignorare eventi dalle conseguenze che possono innescare una nefasta spirale delittuosa contro la libertà di stampa, è un atteggiamento riprovevole e da condannare senza riguardi per nessuno.
Atteggiamento piccolo piccolo, meschino, da topi. Ed assai stupido di cui, oltretutto, vergognarsi anche per il pericolo che un tale atteggiamento rappresenta per la intera categoria dell'informazione.
Giuliana D'Olcese quota rosa di LiberoReporter

Continuano gli avvertimenti e le intimidazioni a LiberoReporter.

Il Comitato di Redazione di LiberoReporter rende noto che continuano gli avvertimenti e le intimidazioni da parte di ignoti, in particolare nei confronti di Daniela Russo, Direttore Editoriale della testata.

Ennesimo atto intimidatorio contro la rivista LiberoReporter: “Sono passati pochi giorni da quando sono stati manomessi i freni dell’auto del Direttore Editoriale – dichiara Gaetano Baldi Direttore Responsabile di LiberoReporter - ma le intimidazioni proseguono; questa mattina infatti sono state tagliate le due gomme anteriori dell’auto di Daniela Russo”.

Nonostante l’impegno della Polizia nel voler far chiarezza sui fatti, continuano a pervenire alla redazione inquietanti telefonate mute e le auto dei collaboratori sono oggetto di barbari gesti.

Malgrado i fatti precedenti siano stati divulgati dai media, gli esecutori non si fermano. E’ essenziale che i colleghi continuino a dar voce a quanto sta accadendo in nome della libertà di stampa.

“LiberoReporter ha condotto importanti inchieste – ha concluso Gaetano Baldi - sicuramente le intimidazioni potrebbero riferirsi a qualche corda “sensibile” che è stata toccata nei mesi scorsi.

I trascorsi ci insegnano che il lavoro svolto da giornalisti impegnati in inchieste particolari, ha avuto spessissimo un prezzo troppo alto: la vita”.

Il CDR di LiberoReporter

Pubblicato il 27/4/2009 alle 17.10 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web